Contattaci: 366 6502833 | Lun-Ven 9:30-17:00 | info@jetiitalia.it 

EUR
0
Il tuo carrello è vuoto!

Come collegare due riceventi REX per aumentare il numero di canali

Le riceventi REX hanno due porte completamente programmabili (E1 ed E2) che consentono, tra le altre funzioni, di inviare e ricevere segnali EXbus utili ad espandere l'impianto e fare si che le riceventi si supportino una con l'altra sulla ricetrasmissione. In questo modo è possibile utilizzare due riceventi REX per espandere il numero di canali gestiti dall'impianto radio e, in caso di perdita di segnale di una delle due, l'altra mantiene il conttatto con la radio.

Come collegare due riceventi JETI Duplex per aumentare il numero di canali

Ogni ricevente JETI Duplex può essere liberamente programmata dall'utente per diversi scopi. Se all'interno dell'impianto radio del modello state utilizzando una ricevente JETI per le funzioni principali (motore, alettoni, elevatore, direzionale, ecc) ma avete bisogno di aumentare il numero dei canali per funzioni secondarie (luci, apertura cockpit ecc) è possibile installare una seconda ricevente per espandere i canali a disposizione. Vediamo come fare.

Prolunghe, cavi, connettori!!

Ampia scelta di connettori, cavi, prolunghe servo e accessori per l'impianto radio e per le motorizzazioni elettriche. Il materiale venduto da MMD/JETI Italia è stato accuratamente selezionato per rispettare i più alti standard disponibili sul mercato dei migliori produttori quali JETI model, Muldental, Emcotec, Multiplex e Hobbico. Disponibili 3 diversi diamentri di cavo tripolare twisted: 0.14mmq ideale per F3J, F5J, F3K dove il peso è fondamentale, 0.35mmq per avere la sicurezza di un'ottima conducibilità anche con servi digitali ed alti assorbimenti e 0.50mmq dedicato ai maxi modelli con alti assorbimenti. Prolunghe ed i cavi servo sono dotati di connettori UNI dorati e Made in Germany!

Centraline e sicurezza del sistema JETI

Il sistema JETi è pensato per garantire una sicurezza superiore richiesta in ambiti professionali o hobbistici di un certo livello. Maxi modelli, elicotteri, maxi droni e maxi alianti sono tutti esempi di utilizzo critici sia per complessità di impianto radio che per distanze che ci si può trovare ad affrontare.

Ridondanza doppia o tripla in trasmissione

Dalla serie 12 alla serie 24, ogni radiocomando JETI è dotato di almeno due moduli trasmittenti separati che funzionano in tandem che garantire una qualità ed un'efficienza di trasmissione elevata. 
Nel caso delle piattaforme 14 e 16 si parla di due moduli in 2,4GHz per un totale di due antenne nelle radio a pulpito DC e 4 antenne nelle radio a pollici DS. Nel caso delle radio DS sono presenti 4 antenne posizionate su assi diversi attorno allo schermo in modo da creare  molteplici fasci di trasmissione e quindi garantire una trasmissione ottimale anche quando si inclina o ruota la radio, vista la presenza dei giroscopi.
La piattaforma 24 invece è dotata di ben tre moduli di trasmissione due in 2,4GHz e uno a 900MHz per operare quindi su 2 bande differenti ed aumentare esponenzialmente la sicurezza in situazioni critiche. Ognuno dei due moduli 2,4Ghz della 24 è dotato di 2 antenne polarizzate a 90° più un'antenna dedicata al 900MHz. Se si presentano problemi nel sistema 2,4GHz entra in azione la 900MHz, oppure si può dedicare la 900MHz per la terminazione di volo nel caso si stia pilotando un drone in area critica. 

La sicurezza dell'impianto radio

Per sfruttare al massimo la sicurezza fornita dal sistema di trasmissione delle radio, JETI ha pensato ad una linea di centraline CentralBox che permette di collegare fino a 3 satelliti collegati ad un modulo trasmittente specifico garantendo un trasmissione su linee separate, come se si stesse utilizzando due radio e due riceventi contemporaneamente più una ricevente in un'altra banda di backup. La CentralBox si occuperà anche della doppia alimentazione, potendo gestire in modo attivo ed intelligente due batterie allo stesso tempo. 

Le CentralBox 2xx e 400 permettono di gestire tre ingressi riceventi integrando anche un terzo satellite serie 900 per un sistema completamente integrato con tripla ridondanza operante su due bande distinte 2,4GHz e 863 - 870Mhz quando si utilizzano la DS-12, la DC/DS-16 di seconda generazione o l'ammiraglia DC/DS-24.

Tutto questo accompagnato da una telemetria che in tempo reale fornisce:

  • Dati sulla qualità di ogni linea di trasmissione separata ed efficienza di ogni antenna
  • Assorbimento dell'impianto radio ripartito sulle due batterie e stato delle stesse batterie con voltaggio e capacità assorbita
  • Stato delle uscite servo (solo CB220 e CB400) e segnalazione di eventuali assorbimenti anomali nell'impianto radio 

Grazie a questi dati e a questo sistema potrete monitorare COSTANTEMENTE lo stato di salute del vostro modello o del vostro drone per poter intervenire tempestivamente al comparire di una qualsiasi emergenza.